Come si coltiva la pianta di banano in appartamento

Come si coltiva la pianta di banano in appartamento

Il Banano, appartenente alla famiglia Musaceae e in particolare al genere Musa, è una pianta tropicale sempreverde molto conosciuta e amata soprattutto per i suoi frutti, le banane appunto, così dolci e ricche di sostanze nutritive, ma è apprezzato anche per le sue magnifiche foglie verdi, caratteristica che lo rende un ottimo complemento d'arredo per abbellire la tua casa con gusto ed eleganza.

Il Banano è perfetto da coltivare in giardino, in piena terra, ma può essere coltivato anche in vaso e, in questo caso, viene spesso collocato all'interno di appartamenti come pianta ornamentale data la sua maestosa presenza (possono raggiungere addirittura i 2,5 m di altezza). Coltivare il Banano in appartamento non è particolarmente difficile, a patto che vi siano le corrette condizioni climatiche e che vi si prestino le cure colturali adeguate. Ora vediamo insieme di scoprire tutti i segreti per coltivarlo al meglio e rendere il banano una vera pianta da appartamento.


IL BANANO, LA PIANTA TROPICALE PER ECCELLENZA

Il Banano, in tutte le sue varietà, è una pianta erbacea tropicale che se spesso viene erroneamente considerata arborea dal momento che assume l'aspetto di un vero e proprio albero: le grandi foglie, sovrapponendosi ad elica, formano un fusto molto grande che, in realtà, altro non è che uno pseudofusto essendo di fatto formato dalla concrescenza delle guaine fogliari.

Generalmente le specie di Musa allevate in appartamento non fioriscono e quindi, di conseguenza, non fruttificano. Solo la specie Musa velutina, una specie particolare di Banano originaria dell'Asia, fiorisce per poi fruttificare, ma, una volta formatisi i fiori ed a fruttificazione avvenuta, tutte le foglie ingialliscono e cadono. Le foglie del Banano sono lucide e satinate soprattutto da giovani e spesso presentano delle chiazze rosse.

pianta di banano


COLTIVARE IL BANANO IN VASO

Il Banano non è una pianta difficile da coltivare: cresce facilmente anche in appartamento anche se è necessario prestarvi qualche attenzione in più.


TERRENO

Il terreno ideale per il Banano è quello creato miscelando al terriccio un po' di torba e della sabbia grossolana che gli garantiscono, al tempo stesso, un buon nutrimento e una buona capacità di assorbimento dell'umidità. È importante sottolineare inoltre che la pianta di Banano va rinvasata ogni anno durante la primavera; una volta adulto il Banano può essere invece lasciato nello stesso vaso per anni.


CONCIMAZIONE

Durante il periodo primaverile-estivo è consigliabile diluire ogni due settimane un buon concime liquido ed una volta al mese durante il periodo autunno-invernale. Il concime ideale deve avere, oltre ad avere i cosiddetti macroelementi quali azoto, fosforo e potassio, abbia anche i microelementi ovvero tutte quelle sostanze di cui la pianta ha bisogno in minima quantità quali magnesio, ferro, manganese, rame, zinco e tanti altri ancora, tutti importanti per sostenere la pianta di Banano in una corretta ed equilibrata crescita.


ESPOSIZIONE AL SOLE

La pianta di Banano va collocata in un luogo luminoso, ma non esposto alla luce diretta del sole. Importante è anche che l'ambiente sia ben areato. Attenzione però alle correnti d'aria, specie quelle fredde, che potrebbero inficiare il corretto sviluppo della pianta. Le temperature ideali per la pianta di Banano durate il periodo primaverile-estivo vanno dai 21 ai 24°C, anche se in realtà può sopportare anche temperature più elevate.

Il Banano teme invece il freddo e, anzi, le temperature inferiori ai 16°C gli sono fatali anche se, effettuando una spessa pacciamatura alla base, è in grado di resistere alle temperature più rigide, sebbene per un periodo limitato di tempo. Un piccolo consiglio è quello di prestare attenzione anche agli spazi dal momento che il Banano è una pianta abbastanza grande che richiede quindi degli ambienti abbastanza ampi.


INNAFFIATURA

Durante il periodo primaverile-estivo il Banano va innaffiato con una certa regolarità in modo che il terreno rimanga sempre umido. Nel periodo autunno-invernale invece è consigliabile ridurre la frequenza delle innaffiature a quanto basta affinché il terriccio rimanga appena umido.


POTATURA

La pianta di Banano non si pota ma è consigliabile eliminare solo le foglie secche in modo da evitare che diventino veicolo di malattie per il resto della pianta. È inoltre consigliabile mantenere il fogliame privo di polvere, pulendolo con cura utilizzando un panno morbido inumidito con acqua tiepida e non calcarea. Sarebbe meglio infine non utilizzare mai i lucidanti fogliari, che ostacolano la regolare traspirazione del fogliame.

foglie di banano


I PARASSITI E LE MALATTIE CHE COLPISCONO IL BANANO

La pianta di Banano è soggetta all'attacco di diverse malattie e parassiti che causano dei segni riconoscibili sulla pianta stessa. Se le foglie avvizziscono e perdono colore significa che la pianta non è stata innaffiata adeguatamente e che, nello specifico ha ricevuto quantità troppo ridotte di acqua; il rimedio è molto semplice e consiste sostanzialmente nel rivedere il proprio metodo di irrigazione per dare alla pianta solo quella necessaria.

Se invece i margini delle foglie si seccano, questo è un chiaro segno che l'ambiente nel quale si trova la pianta è troppo asciutto e la soluzione è quella di aumentarne il livello di umidità sistemando, ad esempio, dei contenitori contenenti acqua nelle vicinanze della pianta.

Nel caso in cui compaia sulle foglie una muffa bianca dall'aspetto polverulento, significa invece che la pianta di Banano ha contratto il mal bianco o oidio, ovvero un fungo che risulta essere particolarmente dannoso per la salute e la sopravvivenza della pianta stessa. La formazione di questo particolare fungo è favorita dagli elevati livelli di umidità ma anche dalle temperature elevate. Inizialmente si formano delle macchie biancastre isolate che gradualmente si uniscono formando delle macchie via via più grandi che causano la necrosi dell'intera foglia che, alla fine, si accartoccia lungo la nervatura centrale per poi morire. La soluzione è quella di trattare la pianta di Banano con dei funghicidi specifici ma, allo stesso tempo, aumentare la ventilazione prestando però sempre attenzione alle correnti d'aria.

Le macchie che compaiono invece sulla pagina inferiore della foglia sono la manifestazione evidente di un attacco della cocciniglia e, in particolare, della cocciniglia farinosa. La cocciniglia è un insetto fitofago ovvero un parassita che si nutre della pianta di cui è ospite apportandole danni più o meno gravi e quindi, proprio per questo è necessario eliminarla il più in fretta possibile.

Il rimedio più immediato e facilmente reperibile è quello di usare un batuffolo di cotone imbevuto di alcool per rimuovere la cocciniglia oppure lavare la pianta con acqua e sapone neutro strofinando delicatamente con una spugna per poi risciacquarla con molta cura. È comunque consigliabile utilizzare un anticrittogamico specifico.

La pianta di Banano porta tutta l'allegria dei luoghi esotici all'interno del tuo appartamento o del tuo ufficio. Il Banano, oltre ad essere estremamente decorativo e scenografico, è inoltre un ottimo purificatore dell'aria.
Mettiti alla prova coltivando anche tu la tua pianta di Banano in appartamento!

Posted on 18/07/2018 Green Lifestyle

Follow us on Instagram

Compara 0
Prev
Next

No products

To be determined Shipping
0,00 € Totale

Procedi con l'ordine